CONFERENCE on "FASCISM AND FOIBEs" | History Stories Pordenone

Posted on April 19, 2014 – 09:03 am
Hotel Mons, Boris Podrecca, Arhitekti Dobrin | Ljubljana

Home » Anti / fascism and resistance , Texts & contexts

CONFERENCE on "FASCISM AND FOIBEs"

TREVISO, CA 'of CARRARESI, Saturday, February 10, 2007
CONFERENCE on "FASCISM AND FOIBEs"
promoted by the PNA of Treviso
MEETING TRIVENETO
WITNESS - MEMORY LUIGI RAIMONDI Cominesi
Invited by EXILE RIVER
(Complete draft, presented orally in reduced form during the work of the Conference referred to above).

I was born in Rijeka in 1922, when River was one of the Free State, a father of Italian nationality and citizenship and mother of Croatian nationality and Hungarian citizenship, the City had recently been subtracted from the subjection of the Kingdom of Hungary, which had been Separatum sacrae Kingdoms Coronae adnexum Corpus "since the time of Maria Theresa from 1779.
From that date, the Community stream had always expressed its own representative to the Parliament in Budapest and enjoyed broad autonomy, including the teaching of Italian language in the Municipal Public Schools.
Indeed, data from some surveys that, given the heterogeneity of sources consulted consider the valence purely "indicative", validate the presence of a majority fona-Italian Istrian-Venetian already recognized by the Kingdom of Hungary, in the city.
* In 1894: about 29494 inhabitants, 13, 012 were Italians; 6995 Illyrian (ie Kvarner and
Dalmatians) 3766 Croatian; 2780 wenden (ie Slavs of prov.di Lausitz), Germany 1495; 1062 Hungarian; 384 different. (in: Meyers Lexicon u Leipzig Wien, Methods and Research, Regional Magazine, Udine, ns, XXI, 1 , 2002, p.59), etc.. , See below).
* In 1900, about 38995 inhabitants, 17, 492 were Italians; 12926 Croats, Slovenes in 2336, 1, 945 Serbs, Hungarians 6493, 2842 Germans, 3599 other nationalities. (From: Census Austrian "Territory of Rijeka and its District")
* In 1918 residents of 17950, 17050 Rijeka declared themselves, of which 14, 149 Italians, 2, 094 Croats, Slovenes in 1073, 3 Serbs, 388 Hungarians, 209 Germans, 33 different.
(In: Meyers Lexicon Leipzig u. Wien, in Methods and Research, op.cit.)
* Also in 1918 out of 42264 inhabitants, the Italians were 28911; 9092 Croatian; 1674 Slovenian; 161 Serbs, Hungarians 4431, 1995 of other nationalities. (From: "Italian National Council" of Rijeka).
* In 1936 56249 were the inhabitants within the new territorial jurisdiction after the
1924. (In: "River", Journal of Studies Rijeka, a. XIX, 1999, n. ° 37p.4IInon complaint the various ethnic groups).
* In 1939 the inhabitants were about 50000 (in: 'Stars and Stripes ", the sheet 5thArmy, USA, 194511non complaint the various ethnic groups)
* In 1940, about 60892 inhabitants, the Italians were 41314, 11199 Croats considered by native fascism "aliens Slavs"; "others" now "yug0slavi" 5482. (By: Prefecture River with calculations in the Territory, as in 1936, in "River", op.cit. P4)
* Also in 1940, 'were instead at 56249 River "present" (in: G.Fogar, Dictionary of the Resistance, Einaudi, Torino, 200 1, vol. 1, p. 58211v. 1936).
* In 1942 the inhabitants were in River City 53896 (in Encyclopedia
Pombal, UTET, Turin, 1944, vol.1 ° / / do not report the various ethnic groups)
* In 1982 the inhabitants of Rijeka (Fiume + Sussak) were 132933 (in: Yugoslavia Guide d 'Europe, TCI, Milan, 2nd ed. Edition, I982 / / do not report the various ethnic groups)
* Also in 1982, the inhabitants of Rijeka (Fiume + Sussak) were 158750 (in: New Universal Encyclopedia, Cambridge UP, Cambridge, The complaint 982IInon the various ethnic groups)
* In 1983 the inhabitants of Rijeka (Fiume + Sussak) erano160000 (in: The New Geographical Encyclopedia, Cambridge UP, Cambridge, 1983IInon complaint the various ethnic groups)
* In 1991, the residents of 4116 were Italian native language, in all of Croatia RS Italians were 19238 (from: the 1991 Census of the SFRY, in: "River", op.cit. P.4.)
* In 1991 (expected date) of 167964 inhabitants of the city of Rijeka (Fiume + Sussak), Italians were about 4000.
* In 2004, Rijeka (Fiume + Sussak) had 144, 043 inhabitants (in: TCI Guide d 'Europe, Milan, 2005 11 do not report the various ethnic groups)
* In 2005, Rijeka (Fiume + Sussak) had 165, 000 inhabitants (in: TCI, Geoguide, Milan, 20061/non complaint the various ethnic groups)
We denote the high population growth since 1941, the year of 'aggression of' fascist Italy to Yugoslavia, which in Rijeka (59332 ab.a with Italian majority Sussak 16111 + ab. Croat-majority) was then of 75443 inhabitants.
Equally remarkable decrease of Italian residents, who moved to Italy and other parts of the world since 1945, to about 80%, as well as notable was the decline of Hungarian residents (from about 6000 to about 400) at the end of the First World War.
Finally, to highlight the lack of notes on the Italian community in Rijeka, not even mentioned in the text used for the data of 1939, but especially those of the 982, 1983, 2005, 2006; sources of information is to be considered at the level of knowledge basis .. , With the purpose of tourism.
River, with a view to win the Little Entente and the subsequent break-up of the 'Austro-Hungarian Empire, had been assigned by the Treaty of London (26 IV 1915) to the future free Croatia, which became Yugoslavia, the majority of the citizens of Rijeka, ie the Italophiles living there, pronounced (30 X 1918) for the union with the ltaly, giving support to the request for annexation Italy who later showed up at the Paris Conference The request was rejected by encouraging the firm of Gabriele D ' Annunzio (12 IX 1919) that, with a military coup, occupied with his Legionaries River.
After he was declared the Free State by the Treaty of Rapallo (12 XI 1920) entered into with the intention of offering spaces of the various ethnic groups living together for centuries in the small territory, maintaining a thriving economic situation before, D 'Annunzio had to leave the city.
The Free State was tormented by the pressures of national-fascist Right after the March on Rome, he found wide coverage in Italian foreign policy that managed to frustrate the hopes of peaceful coexistence international and cosmopolitan. We can not forget the fascist attack the President of the Free State, Zanella (1922), nor the presence of the squad from Trieste to Rijeka Board
Agreements with Mussolini-Pasic '(Treaty of London of 27 January 1924) Rijeka and Zadar were assigned to the Kingdom of Italy and Dalmatia to the Kingdom of Yugoslavia.
And it seemed "done deal"
But being thwarted the ancient Italian hope to establish a kingdom on the basis interadriatic old-revanchiste with historical references to Rome and Venice, River found itself in a position to be "due" not only as the last Italian city view and hoped as such even in the Risorgimento, but especially as a bulwark of civilization to which we in fact did not belong totally, just 11 for its cosmopolitanism.
A first obvious wound in the City annexed the Kingdom of Italy ', was the detachment of the basin Fiumara (Porto Baross) already in the Free State was due to violent clashes, and the second was a decreased activity of commercial species for the cereals, sugar timber.
If we consider that in 1894 was home to sixteen and Consulates prior to the First World War was connected directly with New York through eighteen regular trips to shipping lines per year, there was an evolution in a positive sense, given primarily economic needs created by the new postbellico.Anche balance for these reasons of national prestige Italian, Fiume, from the beginning of the thirties, it was established the "free port".
From commercial outlet port of the Danube-Carpathian Basin (Hungary, Czech Republic, Slovakia, Croatia, Austria, Romania) was found to be a border town and underwent radical changes, only to return a small example, see the change of odonimi made in a few months or "negligible" that I'Albergo of Emigrants and the Fair Exhibition became a barracks for infantry regiment of the REI
The Italian-speaking ethnic group was considered the first core nationalist forward defense of the "Roman Civilization", a nucleus that was supposed to safeguard Italy and interesting addition, the Church, by threatening clouds panslaviste that, immediately after the end of the First World War , were gathering to "sacred borders of the Fatherland."
Not for nothing were present in Rijeka during the period dannunziano people like Archbishop Celso Costantini of Propaganda Fide and P.Reginaldo Giuliani, Chaplain of the Arditi, while not s' has to forget that the city of Kvarner was the first destination of Mons.Santin, then Bishop of Trieste, proven "faith Italian"
I know that even in a religious community of women there were quarrels between supporters Italian nuns and other sympathizers with the old previous bishop, Bishop Sain, considered filoslavo.
The fracture, although reassembled and dormant for years, it reopened after 1945, when the Community broke and a portion moved to Italy.
An obvious sign of revanchista line appears in the 'appeal of the "Committee for the' Italian Adriatic" - (Rome, 1919), which speaks of sacrifice, of a river dismembered, of "Pula, Trieste and Gorizia under the direct fire of the medium-caliber Yugoslavs 'open door' to the enemy invasion ... "
Ferments were nationalistic, even if not fascist, fascism which were endorsed and strengthened and used, as can be seen from the subscription made by "People of Italy 11" PNF daily for a triumphal arch to be erected in stone, in place of to wood, built to welcome King Vittorio Emanuele III in 1924.
Therefore we can say that Italy came legally and for the first time, in Rijeka, with Fascism and us kids and then net is beneficial, especially if they belong to small and medium Italian bourgeoisie, they were contaminated, so that "Italian and fascist "was an inseparable pair that penetrated in families and they reproduced the same political and cultural situations existing in the rest of Italy '.
It was through the national-fascist policy shifted the 'axis of the interests economicopolitico-cultural River from' Middle Eastern area to the west of Europe '.
My mother was a devout Catholic, she was Italian and D'Annunzio, although strain Croatian, St. Martin Cres, born in 1896 had studied in Fiume, Hungary, had graduated in Udine, had been involved in the events in the foreground of 1914-1918 (transfer from Hungary ', in Udine in 1913, fleeing from Udine in 1917; teaching position in Child Care for Refugees in Roma-Udinese under the direction of the wife of B. Stringher-in 1917-18 and 1918-19 ).
Despite being a typical product of Central Europe, and then, knowing the Croatian, Italian and Hungarian and German, taught us only the Italian,
for clear political choice, making maimed not only linguistically speaking, "given the close relationship between Language and Civilization"
In fact I do not speak Croatian and even today I do not know where my maternal grandparents are buried
island of Cres, because, I repeat, as was the case in society, even in the family happened that were considered outcasts "the S'cia you" even to the point of denying its roots and completely cut relations with Italian relatives.
A typical example of such situations can be found in the fact that three brothers had different surnames: BIAU (German), Blasich (croat.), Blandi (itai), despite having the same parents, my mother was of the family of Vlakanc 'ic', become Vlacancich (for handwriting ted), Italianised in Valacchini and Trains.
A complicated and complex society, which certainly would not have needed to push nationalistic or revanchiste.
To the realities before the First World War overlapped welded or other items for occasional or permanent immigration, not only from the various regions of the Kingdom 'Italy, but also from other parts of Europe.
My father, a Lombard by birth and therefore classified as regnicolo, that is native to the Kingdom of Italy, was considered differently from Cabibi, which were southerners in general, but still comparable to the great family of poperdili, end joking with which they indicated Italians, who, to give information on a path to be done, according to the pranksters, they would say Go a little 'here and then a little' what's there ... "
My father, then, Guido Raimondi Cominesi, Lodi, born in 1893 had fought as a soldier in 70 Rgt.Fanteria Italian and in 1919, having been unemployed as a former accountant of Soc.Polenghi Lombardo, the plant Secugnago, had reached at the invitation River of his brother who had business there in the field of 'power (a trattoria, some food stores) and that he needed an accounting expert, as well as an aid generico.Mio father was not writing to the Bundle, enrolled him in office in 1934, when there was the batch of Former Combatants; had no esteem for Dannunziani he considered more adventurous than patriots, especially as they had given him some discomfort after an attack against them, accusing him of being a Mason suspicion and, mean, they had not paid the accounts of him and his brother, for the supply of food at the Table of the Airmen of him that my father called Gabriele Rapagnetta.Con uxorio reproach .... "But Guido, el xe D'Annunzio!"
But since my father was a Lombard and then an Italian, was not even close to the autonomists of the Free State, they made their facts and worked as a representative and producer for companies Friuli and Italian graphic arts, radio equipment, scales, and for the first of the activities to which I referred just now, had close business contacts with Jews and Croats and therefore went daily to Sussak to meet with clients with whom he was related.
My family was composed in 1931 by parents of three sons and a daughter, my mother taught in the elementary schools of the Kingdom of Italy under less favorable conditions than before, when he had done that in the municipal school fees still to Hungarian laws .
Resented the deterioration that can be summed up with: forty years of service instead of thirty, increased number of pupils per class, reduced salary, loss of access to the theater, loss of free travel on local means of transport, loss of funeral expenses Free of the City, loss of the right to teach Calligraphy and Drawing-acquired right with regular diplomatic in new schools Goodwill at Work.
In ten years or so my parents had been able to buy two apartments and educate four children: two of them later on graduated to 'University of Padua and two they graduated in institutions superiors in Treviso.
I can say that in the twenties and thirties they lived in dignity.
We were put in the context of the social workers' houses where we lived in contact with neighbors of different origin, ethnicity, social class, availability of funds, but always Rijeka, our friendships were linked to religious circles, we had knowledge with Jewish families, of Italians Croats ", Germans.
There was no talk of politics at home, the boys were enrolled in the Balilla, but not always going to gatherings as they were before the Family and Religion, Study and Work, started to be written with the capital letter
After that, the rest.
During the years of early adolescence, for only two or three times I had the opportunity to hear the positions taken by other than official: Gymnasium in handy when I had passed the written pages of the novel in French Rien de nouveau à lI 'Ouest Remarque, prohibited from fascism; still in school, when a Sicilian professor Philip Blacks Licari, eliminated from the program of Italian authors of proven faith fascist (l 'I recently discovered through reading programs of the 2nd. attended high school at that time) to home when there was talk of Gen.Nobile and they were all for him, and jumped out other names of great aviators (as Ferrarin and Gods Priest) set aside to give space to the Balbo squad, but even when my father invited me to listen to Radio Toulouse during the war in Ethiopia and Spain (with the excuse that I learned more about French pronunciation that I was studying), and, even when my mother said explicitly that D'Annunzio had been done "babe and the istupidir co co cocaine .. "And, subsequently, after the death, which had been made unseat from" quelaltro. . Mascalzon that. "And finally, when I had the suspicion that my father had voted" No "in the plebiscite for fascism, under the influence of the Communist Zu shoemaker.!
I also knew that a friend of my father Franco S. was a Catholic opposed to fascism, whose brother had saved from a De Gasperi 'aggression and who lived in Sussak ..... and another, a V. I can not remember its name, it was virtually disappeared and he did not speak any more in the house.
His shoe store and opanke hand-made was the desert for years and I could see the dust build up on the models on display in the window of 'then by XXX Ottobre.
O Mr. V. was the only one (maybe n & 1930) during a holiday, made with some friends in Cicarija, spoke the language of the inhabitants and then referring to adults how and why the farmers complained of the pressures on their ethnic group as part of the policy fascist.
And, again, I learned from my father the pain that I had hit the Yugoslavs for 'murder of their king, Alexander, and I was shocked when I saw and heard my mother cry the day he gave to the true homeland.
"Mom, Pearl is my native land! Yes, but it's my wedding ring that I took!"
the child, I saw, I listened, and anything, deposited into my brain, came to light later.
I went back to Mune Small, the country in 1930, with my wife in the sixties of the last century, full of longing for the good memories of 'last childhood I tried the old that we had rented the bedrooms and the kitchen, but the war had mowed many lives even among Cicci, who had ascending Romanians, who were forced to attend schools in Austria before, after Italian, to participate in religious services in languages ​​other than their own and that had rebelled against the Nazi oppression renewed in 1943, had been decimated by deportations and executions, both decapitati.Erano many names engraved on a 'high stele white stone: another sign of pain in the history of these places and in mine.
The anti-Semitic and anti-democratic policy of fascist Italy emotionally involved my family.
Because of the Laws for the Defense of the Race of 1938 my mother, who had always had great esteem (dare I say great) for the Jews, he saw disappear from the group of her friends and co-workers more than some of them and, with them, risking trouble with the authorities, he maintained contacts practically no secrets: "Luigin, andemo from the Pincherle to find it, but no ste dirghe noffink from nissun ..."
Some Jewish families were the model of education for my mother: "Look at the S .... that the well-educated el fio. ! Impareve de lori "
It was the "S..". a wealthy Jewish lady that my mother confessed that he had envied, but, in the days when the poor woman ended up in the sgrinfle of racial cleansing and evil was reduced and lost property and prestige, my mother then said to us: "... and no Ricordeve S ste envy never nissun .. "
The Catholic faith was beginning to gain the upper hand on the 'hyper-nationalist education acquired in Rome and in Friuli and enriched in Rijeka at the time of D'Annunzio.
It was "advised" not to attend certain people, but she, chersina stubborn, continued.
In 1938, in the family, it was hoped in vain that Mussolini would help Austria 's against the Nazi invasion, and in 1939 it was pending the' out of 'Italy from neutrality and its deployment at the side of the French and the English, but were vain desires.
Even my father's business began to go wrong, not for his professional incompetence or lack of customers, but for the constant daily pressures to which it was submitted by the Italian border police when he went to Sussak for the job: "It's from friends Jews? What brings you? Let your wallet! Open the hood! Where did gasoline? Which sum has gained today with his Jewish friends? And with the Croats, how's business? "
Once they made him open the pocket watch to see if he had the cash in foreign bank notes for "Jews" again scraped a bit 'of paint from the fender of' car with rude humor, saying: "Mr. Raimondi will not have mica did put the wings of gold as his friends Yugoslav Jews? "And so forth, until my father suspended visits to customers Sussak, which is why he lost the majority of their work. "Do not leave me in peace every time I go and I go back, the same questions, with air that seems playful, but I'm not implying threats-MORE" over there "!"
My father was an honest man, brave but not reckless and psychological pressure that frightened him and he did not improve his health already undermined by malaria that assailed him until the First World War
He returned to Sussak occasionally only after the 'Italian invasion (1941), as trustee appointed by the owner of the building requisitioned by the command of the Second Army, the owner who had been away at the time of' fascist occupation.
In this way, my father knew some Italian officers of the Command and perhaps it was involved in secret operation for the rescue of Jews from Croatia Pavelic through the corridor of Rijeka, just maybe because I saw him from a few nights in the car without saying where he was going even to his wife , which is absolutely unthinkable.
An Agent of the Security Services Croats River, "Mar.", including operating clandestinely during the German occupation and offices with posters after the Liberation, which I met in the seventies in Udine, and asked about the correct behavior towards the Yugoslavs my family over the years 1945.46, '47, told me that in 1941 my father was already considered a "democratic and that for this reason" was valued and respected by the Croats and the Yugoslav People's Front of Liberation.
Nothing I learned from my father, person completely confidential, even socially open
I would classify it as a democratic socialist, a layman, when he died in Treviso, a gentleman jew River, whom I knew as a child approached me and told me that he had made "the Masonic funerals."
In 1941-1942, my mother, having been drastically reduced revenue due to the heavy decrease his father's work, he asked to go to lecture on Italian language Courses for Adults in the "so-called Annexed Territories of the Province of Carnaro (River); the destinarono to Tersatto, above Sussak '
He had four sons on their shoulders and wanted to earn something more to give them the opportunity to continue their studies.
One day two of his students were absent, and she came to know that two of their young brothers were dead, and had been buried just Tersatto.Quando the two young ladies returned to attend the course, my mother with all the students went to pray on two tombs and brought you some flowers.
Days later, the lights never fail, was called to R. Education Authority of Rijeka and was threatened with immediate dismissal because "it was allowed to put flowers on the graves of two" bandits Croatian communists shot in Tersatto by Metropolitan ... "My mother was saved by saying that she was always gone at the funerals of relatives the next of its pupils and that she knew that they were partisans.
But his eyes were on him.
In fact, a couple of months later she was called back to R. Superintendency and was required to sign the request of the Port d 'weapons in self-defense, as a teacher in the Territories Annessi.Mia mother refused in a peremptory way not only to sign the absurd question, but also to buy a gun, saying that she was going to Tersatto to teach the Italian language and not to do guerra.Fra all the teachers in his condition, were only she and the master Romeo Bertotti to reject the peremptory order. Only two!
The war of aggression against Yugoslavia produced effects inconceivable, and I think that the number of victims of fascist adventure unworthy, in relation wings' extension of the territory in which took place the military operations are to be considered higher than those of other war fronts for both parties.
Even the marginal vicissitudes of my mother did not end there.
In fact, not long after, she went to work, he was flanked by an elegant gentleman who invited her to follow him along the way on foot to go to Tersatto: "Do not take the 'bus, Lady, come with me .. 'My mother was terrified and thought to a tragic end of his life "I thought it would kill me because I was teaching the Italian .."
But, at some point the 'man stopped and toltosi hat said to her: "Lady Goodbye and thank you!"
And he disappeared.
That day the 'bus was destroyed by a bomb.
My mother's life was saved by the Command partisan who had led the 'operation of sabotage.
For the duration of the conflict l940-1945 were the difficulties of survival for my family, where I was temporarily returned from Udine: I finished high school classic, and was about to be called to Arms, Leverage.
In fact I did not go volunteer in the fascist war, to have the VU (University Volunteer), with the Savoy knot on the sleeve.
When calling in R. Army, in 1942 1ebbi a final meeting with my friend Erio Franks, law student, and we made a commitment to return home with a gun and kill Mussolini that now, even though we remain in the Young Fascists, we considered the 'principal architect of the ruin of the country and the cause of death or persecution of our friends, and classmates since the time of the Racial Laws, the filth in Yugoslavia, of 'aggression against Greece, France!
They were the symptoms of a violent rebellion (no more than a revolt sentimental and cultural) that would take us to disown and condemn fascism and to side with the Freedom Fighters: Erio and I, despite being far and destined to different departments, we walked the same ideal path towards our and others' freedom.
Erio Franks became partisan and was editor of the Voice of the People of Fiume-Rijeka after the Liberation.
I entered it in the 14th Rgt.Fanteria "Chieti" and was intended to XII Course Addmo in Campobasso.
My evolution in the 'anti-fascism war was rapid, was realized through the' insertion into a battalion of almost everything Siciliani, through the knowledge of the problems of agricultural laborers Puglia, the frequency of some "wonderful" companions' weapons such as Boris Possich Opatija Opatija-, then the Commander-Partisan formations in Croatia and first Mayor of the SFRY in that municipality; Rino Domenicali Udine in Friuli Garibaldi then the Commander and Professor of Humanities and fellow union struggles and political Enzo Santarelli of Ancona, then in CIL , wounded on the front of the 5th. U.S. Army, and known historical communist.
The "moral situation" of the future officers born the year of the "March on Rome" was such that in the late evening of 12113 in May 1943, in the dormitory of the 2nd Platoon of 7aCompagnia they sang the Te Deum of thanksgiving pearl surrender of the Germans and Italian armistice in Africa ... we managed to escape, capture by the Germans, going into hiding in the Gargano, and then begin the armed struggle against. nazifascisti two partisan formations in the North and two with the Allies in the South I was kept secret in San Marco in Lamis (Foggia) from the family of Luigi Bevilacqua and met the generous hospitality of the much-despised "southerners, " the people of the South who protected me until the British who I asked to be enrolled with them. But the officer to whom I had addressed advised me to return to REI and so resumed contacts with the Italian forces in Lecce, after having proceeded with the CC to recover weapons and military equipment in the San Marco.
Participated in the War of Liberation, with demand for Volunteer for the Troops operating until November 10, 1943, after the Little Colonel, Aide-de-Camp of the Chief of Staff in January Berardi, had rejected my request to be landed with the SIM into the River area as Liaison Officer, or saboteur or instructor to arms.
I was told: "We have no military jurisdiction, even as a co-belligerent in that area, which is under the control of the Yugoslavs and the British."
It was a clear reference to the zones of influence recently established (end of October, 1943, Moscow and Tehran agreements) between the Allies and co-belligerent, and I fought from the front of the Gustav Line to the Gothic Line, at six months of continued operations at the forefront 10 with the Grouping Motorized Italian and the Italian Liberation Corps. On the 'other side of the' Adriatic advancing Fighters of Marshal Tito, against the same enemy.
So for me the Croats, Slovenes, the Yugoslavs were all, more than allies, comrades, brothers, in the right identical 11 fight against Nazism and fascism 11.
Ancor prima che partissi di Leva, dalla Jugoslavia occupata arrivavano a Fiume notizie terribili di eccidi, di distruzioni, di incendi di paesi, di deportazioni di intere comunità ;in città transitavano o sostavano reparti speciali come i Metropolitani della PS , che erano vestiti di nero e che noi chiamavamo bacoli, cioè scarafaggi:
comparivano ogni volta che c'era da fucilare.
Vidi a Fiume le due autoblinde che tutelavano il Prefetto Testa che abitava nel Palazzo del Governo nel periodo in cui “tutto l'abitato di Pothum senza l'esclusione nemmeno di una casa, è stato raso al suolo e 108 persone sono state fucilate “(luglio 1942)
Vidi anche i Militi dei Battaglioni «(vi” che provenivano da vane Regioni d'Italia e che venivano utilizzati in operazioni di repressione:facevano paura anche a noi ragazzi italiani. Nell' estate del 1942, prima di andare sotto le armi, fui arruolato obbligatoriamente nella Mobilitazione Civile;per un breve periodo lavorai come barellista all' Ospedale Civile dì Fiume.Un giorno vidi un partigiano (potrebbe essere stato il Capostazione di Giordani – Jurdani?) ferito, circondato da sgherri in borghese armati fino ai denti;bastò un attimo, ma fui talmente impressionato che scrissi un articolo(era il secondo;un primo era stato censurato)in cui dicevo , fra l' altro, che «anche i ribelli combattevano perla loro Patria”
L'articolo non uscì e io fui chiamato alla Federazione Fascista e dal signor B. severamente minacciato e diffidato a scrivere «bene dei banditi”.
Non ebbi grossi fastidi perché il sig.B. mi conosceva e forse pensò che , fra poco più di un mese, sarei andato militare e sapeva quali maggiori pene avrei dovuto sopportare ma io, da allora , non scrissi più nulla , veramente pèr paura.
Tranne brevi note o diari personali.
La situazione a Fiume peggiorò per la carenza di viveri(una cipolla era un tesoro) , per il timore di bombardamenti, di arresti, di attentati;i miei fratelli andarono a fare i garzoni da un panettiere in Braida, ea portare il pane per le case per poter averne qualche pezzo in più. Ad Abbazia avevano allestito un convalescenziario o un ospedale di guerra(forse all' Hotel «Quisisana'anche per i Tedeschi , non molto ben visti dalla popolazione, tanto che circolava una barzelletta che diceva:”Essendo stato mangiato da un pescecane un soldato germanico mentre faceva il bagno, saranno passati per le armi dieci pescecani del Quarnero.”
Eco ironica di quanto succedeva nei territori dell' ex Regno di Jugoslavia, anche in quelli occupati dagli Italiani. Pubblicazioni di storici e testimonianze contengono dati agghiaccianti.
Cito soltanto dal “Diario di vita militare”, del Serg. Attilio Giordano dell' XI Genio, perché recentissima pubblicazione dell'IFSML di Udine (2006):
“Poi è la volta di spostarsi nell' interno della Lika…” dove AG, .in un paese vicino a Korenica si comportava così: “Ora tocca ancora lavorare. Ci sarebbero circa una sessantina di case da bruciare… io mi metto caposquadra. . . sono armato fino ai denti e siamo in tre…. sono le cinque meno dieci e già la prima casa arde.Facciamo sgomberare gli abitanti e, poi fuoco … Alle cinque e mezzo era già scuro, bisognava smetterla.Ne ho bruciate 11, troppo poche … Così il primo dell' anno l' ho passato abbastanza bene(Era il primo gennaio 1942)
E il giorno seguente: “Riempio la macchinetta di benzina e via. Brucio da per tutto, non ho pietà:Tutto quello che trovo è distrutto:Sono in questi giorni diventato furente con questa gente:Non mi fa pena nessuno. In circa tre ore ne ho bruciato 26 Tutti gli abitanti imploravano pietà… .Dopo tutto quello che hanno fatto e tutti quei morti che abbiamo avuto, niente pietà, dobbiamo essere furenti e senza cuore. Io lo facevo. Così anche 11 2 gennaio l' ho passato bene”
Ai primi di marzo il colonnello gli affida un plotone di Camice Nere”Ho 40 uomini arditi, tutti militi. Sono arrivati quelli che volevo io…. Sono entrati i nostri.-Sono troppo contento:Addio Korenica, hai poche ore di vita ancora:”
A un certo momento AG capì che sbagliava e lo capì a tal punto che dopo l'otto settembre non fu con i fascisti, ma si schierò con i partigiani;combatté con valore, fu stimato: finì fucilato per rappresaglia e, ironia della sorte, proprio da un plotone di Militi fascisti al Cimitero di Udine con altri 22 ostaggi, l' 11 febbraio del 1945.
Ma molti, troppi non capirono e ancora oggi non hanno capito.
A Fiume il peggio arrivò con l'Armistizio del settembre 1943, perché la città restò in balia degli occupatori tedeschi;ci furono adesioni alla lotta popolare di liberazione e si formarono dei Reparti partigiani «misti>>, come il «Battaglione Fiumano”che ebbero vita non facile per l' incomprensione latente fra etnie, per posizioni ideologiche diverse, per problemi di comunicazione linguistica, difficoltà che avrebbero potuto e, per me, dovuto essere superate, di fronte al comune nemico.
Ma, nonostante queste discrasie, i Combattenti fiumani per la libertà secondo l' Enciclopedia EAR(La Pietra ed., Milano, 1971 , vol. Il, voce:”Fiume”) assommarono a 1500 tra uomini e donne, con 200 Caduti, penso sia però corretto ricordare accanto ai Partigiani come Colonnello, Zustovich, Ferkovich, Host, Marchini, Margan, anche Fioretti, Superina e Foti che caddero, il primo sul fronte della Linea Gustav e gli altri due sul Fronte adriatico, combattendo nel CIL
E ricordare altri compagni o amici: Crespi, Illiasich, Scrobogna, Nino Vuolo e ancora i diversi fiumani che furono in aviazione sui Baltimore o in Marina come Marassi e Brumati, o che lavorarono con l'intelligence Service come le due sorelle A., nonché il Perito Industriale Guerrato che sopravvisse alla deportazione in un lager o Roberto Locatelli , Eneide Mignacca, il figlio dell' ingegner Luppis che incontrai a Macerata come ufficiale OC di Artiglieria alla sera della liberazione della città marchigiana, e il Ten. Ferruccio Schiavi che trovai con l'Artiglieria Alpina nelle Marche e lo studente Rapisardi che venne fucilato nei pressi di Treviso (sfuggi all' esecuzione, con uno stratagemma, il trevigiano Dall' Armi ) mentre con un gruppo di amici e compagni andava da Padova verso Treviso che credeva già liberata , sventolando il tricolore.
Funesta fu l'opera di eliminazione degli Ebrei di Fiume che in città erano presenti fino dal 1400 (con Ebrei di Pesaro) e che avevano il proprio tempio nella Città Vecchia fino dal 1535.Possiamo calcolare che negli anni trenta del secolo scorso a Fiume gli Israeliti fossero oltre i 1700 .Generalmente vivevano in pieno accordo con le vane etnie e godevano di stima e di considerazione , tranne che da parte degli spioni che durante l' AK li segnalavano alla Polizia collaborazionista italiana o, tout-court, ad una delle Polizie germaniche presenti in città.
Oltre alle restrizioni del 1938 essi subirono arresti nel 1941 e furono deportati in numero di 252(256) nei Lager nazisti , dal 1943 al 1945 :ci furono 22 superstiti
Ben 28 sui 69 internati nella Risiera di S.Sabba furono soppressi. (un altro dato a conforto della tesi che la Risiera fu «anche” Campo di eliminazione.):
La Sinagoga Maggiore fu bruciata dai nazisti il 21 febbraio 1944….
Altri 1748 cittadini di Fiume, non ebrei, furono deportati , anch' essi nei campi di
eliminazione o di prigionia, 1'80 % non fece ritorno.So poco degli IMI fiumani, ma posso citare Marieto S.che forse potrebbe avere informazioni in proposito.
Lo avevo incontrato a Treviso dopo il mio congedo.
Riprendendo, dunque, il discorso sull' Armistizio è noto che, per la non chiara o 'rifiutata« interpretazione della Memoria 441 OP e per il ritardo della divulgazione della 451 OP, ma altresì per il tradimento di alcuni Ufficiali Superiori che si schierarono con i Tedeschi; preferendo in tal modo un collaborazionismo servile ad una durissima prigionia, ad una moralmente e patriotticamente “dovuta “resistenza contro 11 Reich nazista, anche Fiume fu invasa e diventò una Provincia, parte dell'OZAK
Il 14 settembre, secondo il prof. Michael Wedekind dell' Università di Munster(studioso dell' AK e dell' AV.- 1943-1945) entrò in città, per l'accordo tra il gen. Raapke e il Gen. Gambara, il I 94°Rgt. Granatieri – Rinforzato – della Wehrmacth senza incontrare opposizione. Addirittura prevenendolo, nel pomeriggio del giorno prima, Reparti di Camicie.Nere., ( anche in Albania”Non avrebbero esitato a sparare contro noi italiani.. .”v. M.Avagliano in: 'Generazione Ribelle”, Einaudi , Torino , 2006, p.158) avevano preso posizione con le mitragliatrici, per tenere sotto controllo non i Tedeschi, come avrebbero dovuto fare, (v.la M.VS.N. del 17° Settore. GAF di Tarvisio), ma i soldati del REI, sospetti “badogliani”
Le mitragliatrici tenevano sotto tiro , in particolare, i militari italiani sbandati della Divisione” Murge” che avevano consegnato le armi ai Partigiani jugoslavi e che rientravano in Italia dalla Dalmazia, si può immaginare in quali condizioni.
Ma non basta! Infatti un rapporto germanico riferiva che le truppe del 3° Reich 'furono accolte gioiosamente dalla popolazione italiana” che aveva temuto l'entrata in città dei Partigiani jugoslavi…”
Effettivamente i Partigiani avevano attaccato i Tedeschi e la città era stata praticamente circondata alcuni giorni dopo ( 20 settembre), e gli Jugoslavi ne controllavano i dintorni; pertanto la città venne classificata dai Tedeschi come “Area partigiana da ripulire”.
Non si può dimenticare il fatto che l' insieme “Fiume-Sussak” era considerato punto focale per i due porti principali che avrebbero potuto agevolare uno sbarco alleato “previsto” in tali aree(proposta Churchill che si basava anche sull'impiego dell' ARM.P.IT., Armata Prigionieri Italiani, un' unità mai costituita.) e perciò, il KVA(Settore di Difesa Costiera) fu assunto dalla 71a. Divisione di Fanteria germanica, appoggiata da forze collaborazioniste italiane, usate soprattutto per la sorveglianza e la sicurezza della costa.
In tal modo quei reparti diventarono “fuori legge” alla luce delle Clausole dell' Armistizio (vedi oltre) come tutti coloro che obbedivano agli ordini dell' occupatore. Fra le altre forze “italiane” era schierato anche il 160Btg. di Difesa Costiera detto 1a. Comp. Alpina “Julia” che ebbe invece una storia particolare.
Un tentativo di organizzarsi per opporsi all' invasione tedesca (IO sett. 1943) era fallito , in quanto era stata repressa una manifestazione di popolo organizzata dal Comitato Cittadino Unitario; poliziotti e carabinieri avevano sparato sulla folla, uccidendo tre persone. In tal modo si era impaurita maggiormente la popolazione , già disorientata, che venne a perdere un chiaro “segnale italiano” di riferimento per la lotta antifascista e antinazista e inoltre a negare la decisione di schierarsi massicciamente con gli jugoslavi per una comune, solida resistenza alle truppe dell' occupatore.
Un'altra causa di indebolimento nel costituire un sostanzioso fronte unitano, già funzionante in altre parti della Jugoslavia, fu il trasferimento di buona parte degli operai del Silurificio “Whitehead” in località del Friuli e specificatamente a Fiume Veneto. Effettivamente il clima instauratosi sminuì le reali possibilità di una lotta unitaria realizzata invece in Friuli, già con le primissime formazioni garibaldine del FVL
Ma vediamolo questo Armistizio per ciò che può qui interessarci.
Stando alle clausole dell' 8 e del 29 settembre 1943, nonché al “Promemoria di Quebec”' che interpretava correttamente le “altre condizioni adell Art.12 del suddetto armistizio , anche a Fiume si sarebbe dovuto”fare”:
1)Resistenza generale passiva; 2)Piccole attività di sabotaggio; 3)Salva guardia dei prigionieri di guerra alleati, , 4) Nessuna nave da guerra italiana dovrà cadere nelle mani dei tedeschi; ;5) Nessuna nave mercantile dovrà cadere nelle mani dei tedeschi; 6)Non si dovrà permettere ai tedeschi di prendere in mano le difese costiere italiane; 7)Le Unità italiane dei Balcani possano marciare verso la costa, dove potranno essere trasportate in Italia dalle Nazioni Unite. -
Inoltre , per dirimere alcuni dubbi sulla “legalità” dei collaborazionisti, vanno aggiunti l' Art.168 dell' Armistizio;lo stato di cobelligerante che l'Italia aveva acquisito con le conclusioni di Malta( 29.9.1943); la dichiarazione di guerra dell' Italia Libera contro la Germania nazista, in data 13 ottobre 1943, senza trascurare almeno due appelli alla resistenza antinazista, quello di Benedetto Croce al Sud e l'altro di Concetto Marchesi al Nord.
Erano, quelle parole, chiare indicazioni amorali, storiche, politiche” che il popolo italiano sentì profondamente, sia appoggiando la Lotta di Liberazione, sia partecipandovi direttamente, sia rifiutando la RSI , preferendo i campi di internamento in Germania, sia combattendo nelle varie Resistenze europee , per riscattare l'Italia dalla vergogna fascista.
Tutto ciò non avvenne nella mia città, anzi, ci furono aspetti reazionari, per me gravissimi, non giustificabili soltanto”co la paura de i S'ciavi' che appartenevano a Formazioni Alleate , a fianco delle quali , subito dopo l'8 settembre, combatterono Unità militari o singoli Italiani , meritandosi il plauso non solo del Comando Superiore dell' AVNOJ, dell'EPLJ e dell' OF., ma quello degli stessi Governi alleati.Dopo 17 mesi di guerriglia le Unità militari-partigiane italiane impegnatesi a fianco delle Truppe del Maresciallo Tito contavano 20000 Caduti per la libertà
D'altro canto, con orgoglio , possiamo dire che numerosi fiumani furono disertori agli ordini
di Leva della RSI che colà non avevano alcun valore, in quanto Fiume e tutto il resto dell'AK erano Zona di Operazione delle Forze armate (e delle varie polizie) germaniche; le diverse province erano considerate un Land , di fatto annesso al 30 Reich, governato da un Gauleiter.
Infatti, precipuamente per frenare le diserzioni , le classi di leva 1923-'24-'25 furono reclutate nell' aprile 1944, non dai Distretti Militari della RSI, ma dai Commissari di Leva delle Prefetture, che erano sotto il diretto controllo tedesco, esercitato dai Deutsche Berater locali. Donde un' altra responsabilità per i Prefetti di nomina germanica.
Disertarono anche 100 Carabinieri mandati in Istria in rastrellamenti antipartigiani, nonché elementi del Polizei Freiwilligen Btl. che si sottrassero al servizio, pur sotto le minacce tedesche.
Nonostante ciò a Fiume funzionò il 35° Comando Militare Provinciale della RSI che il primo giugno 1944 poteva contare su 1587 fra Ufficiali, Sottufficiali e Truppa, cui vanno aggiunti i 200 uomini della Compagnia “D'Annunzio».
In quel periodo si stavano attuando le proposte del Comandante del Gruppo d' Armate Germaniche, von Zangen, dirette a realizzare un nuovo schieramento anche per il KVA(Difesa costiera) di Fiume al cui comando era il capitano Dannhauser del 314° Rgt che aveva sostituito il.citato 1940 .
A noi interessa sottolineare che al punto N.3 delle proposte di von Zangen(che dipendevano dalle scelte operative di Kesselrìng) si presupponeva l' abbandono (di Trieste e) di Fiume, lasciando “al nemico piena libertà verso Est e Nord-Est in direzione di Vienna” perché non giungessero i partigiani “sul suolo del Reich”
Ciò a scorno di quanti avevano accolto festanti i camerati tedeschi, nel settembre del 1943. Mi sembra giusto, però , ricordare che, negli stessi giorni dello stesso 1943, dopo gli infausti accordi tra Gambara (poi CSM di Graziani) e Raapke la maggior parte dei soldati italiani non accettò la collaborazione con i Tedeschi e che il 19 settembre ben 7700 furono internati nei lager , seguiti il giorno dopo da altri 4300.
Non ho notizie su aiuti da parte dei locali nei loro riguardi.
Ai Tedeschi, nei giorni seguenti l' Armistizio , si affiancarono 2000 uomini, di cui 700 Ufficiali, molti di questi Militari riuscì successivamente ad eclissarsi riducendo qualche mese dopo, gli effettivi sopra citati.
Ci furono incertezze in un reparto di carri armati “L” della 19a. Div. Celere: mio fratello Giuseppe, ragazzino, andava ad esortare i militari perché si battessero contro i Tedeschi; ma qualche sconsiderato, per impaurirlo , lo legò con 11 filo di ferro ad una tank ;il reparto passò poi con i nazifascisti e operò al comando del capitano T.. .nell' OZAK
Dopo la guerra , negli anni sessanta (?) del secolo scorso, mio fratello Giuseppe che era stato allievo del prof.Opocher dell' Università di Padova e si era laureato in Scienze Politiche, mi segnalò la presenza di quell' Ufficiale filo nazista nei dintorni di casa sua, a Conegliano, visione certamente non gradita, visto che Giuseppe allora militante nel PCI e
politicamente impegnato , aveva già subito delle aggressioni da parte di fascisti locali. Durante l'occupazione nazifascista di Fiume mio padre fu fermato dalle SS, in quanto commerciava in e riparava apparecchi radio;nulla risultò a suo carico e fu rilasciato.lo so soltanto che continuò ad ascoltare Radio Londra.
Mia madre lanciò due appelli attraverso la Croce Rossa , per sapere dove mi trovavo, ma io non volli risponderle perché, combattendo con gli Alleati, avrei compromesso la vita stessa dei miei familiari.
Dal 1943 al 1945, un'ibrida forma di governo sopravvisse a Fiume a livello intermedio: esistevano le strutture amministrative italiane, strettamente controllate(lo abbiamo già detto) dalle autorità germaniche che ne vanificavano ogni valore giuridico internazionale.
A Fiume, !' Autorità “italiana”fu rappresentata da! Prefetto , di nomina tedesca, dott. Spalatin “guidato “dal Deutsche Berater, dott. Pachenek. Lo aveva preceduto il Senatore Gigante, eliminato dopo la guerra dagli Jugoslavi.
Tali strutture, in alcuni casi particolari, apparvero utili per salvare vite umane , perché in esse erano presenti e segretamente elementi contrari al nazismo.
intendo dire dell' impegno del Commissario (e poi Questore) Palatucci (utilizzava i rapporti di parentela con un Vescovo del Centro Italia) che, tradito, fu eliminato in un Lager di sterminio in Germania; nonché dei contatti di Ebrei con le Autorità ecclesiastiche ed in particolare con il Vescovo, mons. Ugo Camozzo , che aveva, conoscenza con mons.Pizzoni di S. Daniele del Friuli.
In entrambi i casi si trattò di persone che si adoperarono per sottrarre contingenti di Israeliti sia alla deportazione da Fiume sia al piano di eliminazione posto in essere dal nuovo regno di Croazia, praticamente in mano agli Ustascia del Poglavnik dottor Anton Pavelich. Ho notizie, da verificare, che si trattò, complessivamente, della salvezza di circa 8000 ebrei di diverse nazionalità.
Già alla fine di ottobre del 1943 era stato bloccato ogni espatrio verso l'Italia , ma alcuni Fiumani riuscirono ugualmente a fuggire;in particolare gli Szorényi., mischling, il cui capo famiglia era stato impiegato fino al 1938 nella Banca Italo-Ungherese di Fiume, e che ripararono a San Daniele del FriulLErano in nove;due sopravvissero alle eliminazioni nei Campi di sterminio nazisti , dove erano stati deportati nel 1944, su informazioni passate alle SS da una spia fascista
locale.
Sono, questi, altri Fiumani poco noti che sono parte integrante della storia della Città, come i miei compagni di scuola Mattei, Goldstein, Milch, ebrei scomparsi dal Ginnasio nel 1938. Di uno, Erio Milch, per certo conosco la fine: fu eliminato in un lager tedesco, Laurea in Ingegneria honoris causa dell' Università di Padova., non molto noto anche lui, come del resto i signori Schmidt, fortunosamente sopravvissuti, sfuggiti alla cattura. Attualmente i loro discendenti vivono in Israele
Non riuscì a fuggire una Rosenfeld, detta “la Bella Ebrea”che si suicidò con il gas di cucina, mentre la Polizia tedesca stava arrivando a casa per prelevarla. e deportarla
Non sono sicuro, ma ho informazioni (da Arianna Szorényi) anche sulla scomparsa del Signor Weiss che era stato il nostro padrone di casa , prima del 1930….
Pure Licio Fontanot, della grande famiglia di antifascisti e di comunisti , si suicidò.Era nato a Fiume nel 1912, e nella Resistenza comandava la Brigata GAP della Div. Garibaldi Friuli : catturato al ponte di Pieris mentre tentava una spericolata fuga, si impiccò in cella, per sfuggire alla tortura, il 4 agosto 1944.
Anche Paolo Reti era nato a Fiume, nel 1900:esponente della D.0 nel CLN di Trieste, Comitato caduto al completo, per delazione, nelle mani dell'ispettorato speciale di PS di Triest, un branco di poliziotti fanatici diretti dal Collotti e dal Gueli.
Reti era un democratico « unitario” un cattolico in contatto con Mons. Santin. . “siamo in risiera non sappiamo cosa sarà di noi forse domani non saremo più. Avvertire il Vescovo.” ( 7aprile 1945)
Fu fucilato insieme con tutti gli altri membri del Comitato:socialisti, comunisti, italiani o slavi che fossero.
Non voglio tralasciare, infine, Leo Valiani, nato anche lui a Fiume nel 1909; fu antifascista, combattente contro i Franchisti in Spagna, lavorò con Di Vittorio in Francia, fu personaggio di primo piano nella Resistenza italiana, con il Partito d' Azione. Fu uno dei firmatari dell'esecuzione di Mussolini.
Morto nel 1999, era Senatore a vita della RI dal 1980.
Mentre ero in attesa di partire per il fronte di Cassino a fianco degli Americani della 5.a Armata, cercavo contatti con altri Fiumani, militari nel Sud;cercavo di portali a combattere contro gli invasori, contro i nazifascisti, come avevo fatto. con Giorgio P. , un goriziano, con cui condivisi i mesi del fronte italiano.
Avevo incontrato Jarabek, Manfredini, DeFuria, Menta, Malnig, Pozzo, Toffoli, Mariconda, Carbé(?), Fabjetti , Tatarek, sparsi nel 90 e nel 70 Battaglione di Addestramento A.UC., a Oria(Brindisi)intorno ai primi del novembre 1943.
Un altro, Oscar Pillepich, abbandonò il REI e passò in Jugoslavia, dove combatté con l'E.PL.J;ebbi con lui contatti , dopo la guerra, per articoli miei inviati a Panorama” di Rijeka, il periodico dell'EDITNOST in lingua italiana, di cui Pillepich era uno dei redattori, Durante uno spostamento alla ricerca dei soldati fiumani ebbi occasione di trovarmi di fronte ad un fatto che rendo pubblico appena oggi:eravamo nel dicembre 1943, ancora a Oria, quando vidi alcuni soldati dirigersi, con un ufficiale, verso una stanza.
Io il solito curioso, mi ficcai nel gruppo come se ne facessi parte.Entrati nella stanza(una cella del Convento dove eravamo acquartierati)e messici attorno a un tavolo , venimmo informati dall' ufficiale(forse un Tenente, ma anziano)sul valore internazionale della carta corografica che stava per sottoporre alla nostra attenzione, che comprendeva le province di Trieste, di Gorizia, di Pola, del Carnaro (allargata), anche della provincia di Lubiana nonché parte del regno di Croazia.
Non riuscii a sapere perché un' area fosse stata colorata in un azzurro forte, ne ricordo più bene quale fosse, ma mi pare si trattasse della zona dell' Istria Superiore , una larga fascia fra Trieste –Fiume –Postumia – Pinguente.
Interpellato sulla mia presenza senza essere stato invitato alla riunione, risposi che la vicenda mi interessava, in quanto ero originario di Fiume.
L' Ufficiale chiarì che si trattava di un nuovo Stato Confederale cui avrebbero dovuto partecipare sia Italiani che Croati che Sloveni, stato strategicamente collocato tra Italia, Austri e Jugoslavi.
Ma avendoci informato “il capo”della riunione che a quel progetto non era estraneo il Principe di Piemonte, mi sottrassi ad ogni coinvolgimento nella vicenda, specificando la mia disistima per quel signore che sarebbe dovuto restare a Roma a garantirne la difesa ea combattere a fianco dei militari e dei civili che avevano tentato una impossibile resistenza. Aggiunsi che in quel momento sarebbe dovuto essere alla testa dei Volontari che intendevano combattere a fianco degli Alleati , invece di fantasticare su rappezzi territoriali di un' area sulla quale non aveva più alcun diritto e che non sarebbe stata comunque più italiana, visti gli altri progetti , da realizzare dopo la guerra, formulati sia dai Tedeschi (Austriaci e Ungheresi), sia dagli alleati(Jugoslavi, Sovietici, Statunitensi, Inglesi, Francesi), sia dagli Stati satelliti del 30 Reich o dell'Italia in caso di vittoria dell'Asse Roma-Berlino. Mi eclissai, senza dare il mio nome e fui accorto nel non imbattermi in alcuno dei propalatori di progetti di strane Svizzere Centro-sud-orientali.
Un altra vicenda, sempre a proposito del futuro di Fiume, prese avvio da un incontro che ebbi con un soldato fiumano che conoscevo fin da bambino, perché scolaro di mia madre e quasi mio coetaneo.Si chiamava De Furia e dopo quei giorni di novembre del 1943 non lo vidi più, ne lo cercai.
Eravamo sempre ad Oria al Comando del Raggruppamento “Curtatone e Montànara” Egli sottopose alla mia attenzione il testo di una Lettera-appello da inviare a Fiorello La Guardia, che conosceva Fiume, poiché vi era vissuto e aveva ricoperto l' incarico di Agente Consolare degli USA.
In quell' epoca La Guardia era molto popolare fra gli abitanti della Città e altrettanto lo era diventato in Italia, non solo come Sindaco democratico di New York , ma anche per i suoi messaggi-radio “di incoraggiamento alla lotta antifascista».
Il testo si richiamava alla situazione pre-dannunziana di Fiume e auspicava l'applicazione del Trattato di Rapallo come una delle “possibili” soluzioni dell'incontro di etnie diverse, al di fuori di esacerbanti contrapposizioni nazionalistiche e revanchiste. Ricordo che firmai quel documento, con la speranza di salvare l'anima cosmopolita di Fiume, dì una Fiume. che, unita a Sussak sarebbe potuta essere un Centro d'incontri, di collaborazione, di commerci internazionali , un Centro per la Pace.
Non ebbi alcun riscontro al nostro utopistico tentativo;erano anni in cui ci si incontrava e ci si perdeva , e, se qualcuno ha risposto, non l' ho saputo..
Ero già sul Fronte di Cassino.
Ma , ragionando realisticamente , pensavo che le firme di tredici Fiumani, soldati del REI non avrebbero potuto influire sulle decisioni internazionali; non lo poterono neppure Smodlaka, e, in altri momenti storici néRapacki, né Palme.
o l'ho riferito per portare un contributo alla piccola Storia di quei luoghi.
Non avevo notizie dirette da Fiume e scarsissime su Fiume:un pilota della 15a. USAAF, a Bari, mi disse che, di scorta ai bombardieri con il proprio P.38Lightning, aveva visto bruciare la città da lontano; allora, in licenza in attesa di nomina lavoravo all'Albergo “Grand'Oriente” , requisito per gli Ufficiali americani e miei compagni di lavoro erano Radovan Sucich , un Capitano marittimo di Cherso, fuggito in barca dall' isola, il quale poi andò in America e Renzo Tabarin, uno studente di Treviso, poi Ispettore di Dogana, anche lui del CIL:note marginali per indicare le strane vicende in cui la mia generazione fu coinvolta durante la guerra.
A Fiume avevano stanza, oltre ai reparti citati il 4120e il 6160 Ost-Btg. dei Russi collaborazionisti , a protezione della ferrovia Fiume-Lubiana;il Comando di Ernst Lerch, Sturmbannfuhrer delle SS e della Polizia;il Btg Freivilligen Polizei “Fiume”;l' Ispettorato della Landschutz, creata “per salvaguardare la vita ei beni dei cittadini da atti di violenza partigiana” ; l'11°. comp.del 30 Btg./ 150.Rgt.SS Polizei;un Btg.del Rgt. MDT”Carnaro”(ex 61 a. Legione MV 5. N.); una Comp.della Milizia Confinaria forse la Landschutz Miliz; il 140Btg. Costiero, una Comp.del 160, una Comp. del 170;le Batterie ex DICAT;il 1° Rgt. della 114 Jager Division;la 3a.Comp. del Bt.di Guardia delle SS(misto ted.-it.).
A questa lista, incompleta, si aggiungano:il Gruppo Aereo di Pronto Intervento “Aesculap” che proteggeva anche Fiume; un Settore dell' ORPO;un Btg. di Polizia Motorizzato” Bozen “su lla strada Fiume-Trieste; la Wassersch utz, cioè la Marine-Polizei del Comando”Ostadria”; i Servizi (Commissariato, Sezione Bonifica Internati Civili, Direz. Lavori Genio , Direz.Lavori Art., Salmerie, ecc.) del 204° Comando Regionale dell'EN.R. della RSI da cui dipendeva il 35° Com MII. Prov. di Fiume.
una particolare attenzione va al Distaccamento dell' Ek. R. (Einsatzkom mando
Reinhardt, caccia ed eliminazione degli ebrei , anche in Risiera, a Trieste.) che a Fiume era comandato da Franz Reichleitner, ucciso dai partigiani.
Furono tracciate (o solo progettate )linee difensive, la Karststellung e la Blaue Linie (Supposto l'impiego di 120000 lavoratori coatti più le strutture della Todt)mentre nel Settore Operativo Costiero che si estendeva dal “Tagliamento al porto di Fiume” furono messe in postazione 36 batterie con 136 cannoni e obici.; la città era infatti compresa nel piano difensivo della costa italiana insieme con Savona, Genova, La Spezia, Viareggio, Livorno, Rimini, Ravenna, Trieste, Pola “.
Da Fiume partivano operazioni antipartigiane che rastrellarono, per esempio, solo dal dicembre 1943 al giugno 1944, i centri abitati, (di cui cinque furono incendiati) e le piccole zone partigiane di: Monte Maggiore, Strada Fiume -Lokve, Villa del
Nevoso, Clana, Sagoria, Castelnuovo, Pothum, S. Vito, Storie, Sappiane, Mrzla Vodica,
Matteria, Mattugile, Pogliane, Mune, Lanischie, Monte Alpe Grande, Elsane, Kraljevica
in un' area relativamente contermine alla città, mentre nell' interno della Provincia de! Carnaro si muoveva la 188a. Divisione di Montagna (Riserva) , parti della 278a. Divisione di Fanteria.
In quell'aprile solo a Lipa, villaggio tra Villa del Nevoso e Fiume fu compiuta legalmente” l' orrenda strage di 257 vecchi, donne, bambini, da parte di Militari italiani collaborazionisti, non da Militi fascisti.
L' importanza strategica del Territorio fiumano compare in tutta lasua estensione nelle ben 183 citazioni del Di Giusto nella sua magistrale opera di Storia Militare sull”OZAK”
Di contro, una particolare operazione di sabotaggio e di eliminazione di spie •, fu portata a compimento dai Partigiani alla trattoria “Ornitorinco”, luogo di incontro di Agenti segreti collaborazionisti al servizio dei Tedeschi;in circostanze diverse vennero eliminati due altri Agenti, uno era un sottufficiale della MDT(ex 61a. Leg. MVSN), l'altro una spia della Gestapo.
11 9 settembre 1944 e il 10 aprile 1945 furono fucilati a Fiume rispettivamente dieci e ventitré Partigiani, gli ultimi a una ventina di giorni dalla fine defi' occupazione tedesca che durò fino al 2-3 maggio1945.
In concomitanza con l' avanzata dell' Esercito Popolare di Liberazione Jugoslavo, Fiume fu investita da pesanti bombardamenti , fino dal 10 febbraio, sempre 1945, che colpirono gravemente i Cantieri Navali, la ROMSA, il Silurificio, il porto, la ferrovia e parti della stessa città.
Ancora una volta la mia famiglia fu coinvolta in quelle vicende:la nostra casa fu bombardata e mio padre e mio fratello Ireneo si salvarono a stento.I miei familiari decisero di ricostruire l'edificio e chiesero il pagamento dei danni di guerra. Di questo loro atto esiste un documento rilasciato dal C PC che governava la città:
c P. Cittadino di Fiume/Sezione Politica Sociale/N° 2124 del 29. VII 1946/si dichiara che il compagno Raimondi Cominesi Guido, già abitante in via A. Vespucci n°3, è rimasto sinistrato in seguito al bombardamento aereo del 15 febbraio 1945 ed è stato classificato nella cat. “A”(con danni al 100%)si rilascia la presente in sostituzione del tesserino //MFLP//Il capo sezione, F.to Tich Ruggero.
Fra le macerie si nascose l'altro mio amato fratello, Ireneo. Da quanto parzialmente conosco, egli si era, arruolato con i Tedeschi, a 16 anni, nella Wasserschutz Marine Polizei (altri invece dicono che era con i fascisti, forse nel Freivifliger Btg.”Fiume”), ma che aveva disertato e si era nascosto in vari luoghi e che, negli ultimi mesi della guerra stava nella casa bombardata, per non essere arrestato e fucilato appunto perché disertore.
Lo aiutava, proteggendolo e portandogli da mangiare Mario Frkovich (Ferkovich), un coetaneo vicino di casa, e attivo combattente nella lotta clandestina come Partigiano di Tito. Un rischio mortale, per salvare un amico italiano. Incontrai Mario dopo la guerra, lo vidi un paio di volte:faceva il tranviere e mai mi disse di quanto aveva fatto per mio fratello, dimostrando una grande umiltà.
Strane cose produce la guerra:mentre combattevo con gli Alleati, questi mi bombardavano la casa, dove si nascondeva un mio fratello, “mio nemico” che era sfamato e protetto da un Partigiano croato, “mio alleato” e «suo nemico>>, in una città” cosmopolita” occupata dai Tedeschi, “assediata” dagli Jugoslavi!
Bisognerebbe non cominciare mai le guerre.
L'offensiva jugoslava ebbe inizio a metà marzo del 1945, “lungo la costa e ciò preoccupava i comandi tedeschi” che temevano “che Fiume venisse liberata e che da lì, (gli Jugoslavi, nda)si sarebbero spostati verso Lubiana.”
Perciò a Fiume vennero rafforzate le difese che non ressero, cominciando a sfaldarsi dagli antemurali:la città di Senj è abbandonata il 9 aprile dai collaborazionisti della 392a. Divisione Croata; il 17 le avanguardie dell' EPLJ sono a Mrzlà Vodica , sbarcano a Veglia e marciano verso Buccari.
Comandante del Porto e della Piazza di Fiume era il Col. Lothar Zimmermann posto a capo del “Gruppo(di formazione) di combattimento”Fiume”;il 20 aprile i Tedeschi abbandonarono Tersatto e Sussak, mentre le artiglierie fecero scudo alla città nella quale gli Jugoslavi entrarono nella notte tra il 3 e il 4 maggio, dopo che il Quartier Generale
Germanico ebbe ordinato “al 970 Cd'A.. di muoversi verso Nord, considerato inutile il mantenere le posizioni nella Zona di Fiume”
Rimasero in città per l'ordine pubblico alcuni reparti italiani collaborazionisti
(Finanzieri, Carabinieri, Vigili-Urbani, Poliziotti, Guardie alla Frontiera), mentre si ritirò con l' ultimo treno da Fiume, una Compagnia del Rgt. Alpini collaborazionisti “Tagliamento” schierata lungo la ferrovia Trieste – S. Peter.
Una ragazza ebrea , Liliana S., clandestina protetta nel Monastero delle Madri Benedettine a Fiume, così racconta gli ultimi momenti dell' occupazione nazifascista:'..i tedeschi erano tutto il tempo che correvano, andavano, si sentivano bombardamenti facevano saltare i porti, insomma c'era una grande confusione…finché una notte abbiamo sentito delle strilla, la gente che strillava e correvano e hanno detto: “i tedeschi sono andati via/I tedeschi sono andati via!… “. Avevano preparato tutto per bombardare 11 porto di Fiume non hanno fatto in tempo perché sono stati chiusi perché Fiume è un golf cosicché dovevano scappare prima di far saltare tutto se no saltavano anche loro e così sono scappati senza far saltare tutto, però i partigiani scesi dai boschi e gli Alleati che venivano dal Nord li hanno chiusi. Sono stati bloccati. Qui è finita la guerra “(Autobiografia in nastro, all' Autore)
Desidero concludere le limitate mie annotazioni su questo periodo segnalando il giusto anche se, sotto certi aspetti, ritardato tentativo di salvare la città, staccandosi dalla sudditanza dei Comandi tedeschi, effettuato da un gruppo di Soldati italiani, collaborazionisti, che presero contatto con i Partigiani jugoslavi.La loro vicenda è quanto mai indicativa della situazione Ingarbugliata “in cui si trovava la città.
Da:”Istruttoria e Processo per il Lager della Risiera”ANED, Mondadori, 1988,
Milano, vol. 1°, pag. 76., traggo:
“IL 20 e 21 aprile 1945 vengono portati in Risiera da Fiume circa 300 giovani alpini (collaborazionisti;atre fonti dicono 200, nda.)della la.. e 2a.Compagnia Julia del XVI Battaglione Costiero da Fortezza. Si tratta di giovani reclutati obbligatoriamente, o prelevati dalle file della CRI di Trieste dove molti hanno cercato rifugio:Alcuni erano stati presi anche in casa. A chi cerca di sottrarsi e disertare durante un permessole SS minacciano rappresaglie sui familiari se non si ripresenta. Mandati di presidio a Fiume, alcuni disertano passando ai partigiani i quali stabiliscono collegamenti con gli alpini attraverso il sottotenente fiumano Raoul Sperber che comanda un plotone ed anche con singoli gregari.
Lo Sperber (che secondo il prof Brussich, suo conoscente, era del Partito d' Azione, ndr.) aveva concertato(fino dal febbraio '45, nda.)ll passaggio di tutte e due le compagnie ai partigiani, ma scoperto e denunciato ai tedeschi dal comandante del battaglione capitano Achille Manso, si assume tutte le responsabilità per salvare i suoi colleghi ei suoi dipendenti. Dopo rito sommario di una corte marziale tedesca, verrà fucilato il 18 aprile, mentre altri ufficiali(Ten.ti Benedetti, Marcon e Campostrini, nda.)sono condannati a numerosi anni di carcere. Il 20 e 21 aprile la gran parte delle due compagnie viene rinchiusa in Risiera:Il 29 aprile gli alpini vengono condotti alla stazione centrale(per essere deportati, nda.), ma durante il percorso molti riescono a fuggire.Il crollo nazista salva gli altri.”
1118 Aprile 1945, giorno della fucilazione di Sperber, è anche la data in cui i Tedeschi fecero sgomberare la zona del porto e distrussero con brillamento di mine i resti delle attrezzature già colpite dai bombardamenti alleati. Erano esplosioni che”lanciando in aria enormi macigni 11 proiettavano sui tetti sfondandoli, squarciando i muri, abbattendo le pareti delle case. “(P. Venanzi” Italia o morte”, L'esule; Milano, 1972, p. 100)
La difesa di Fiume da parte dei Tedeschi e di alcuni gruppi di collaborazionisti proseguì per oltre dieci giorni, unita mente alle opere di distruzione, per creare tatticamente degli ostacoli al]' avanzata di truppe leggere, ma altresì per fare terra bruciata conoscendo o sospettando il futuro destino della città.
Alle ore 7 del 7 maggio 1945 le Forze Armate germaniche firmarono l'atto di capitolazione: consegna delle armi e materiali e l'impegno iugoslavo a rimpatriare i prigionieri entro l' anno.Dalle Zone circostanti Fiume e dalla Provincia circa 16000 (altri scrivono 20000) militari e non militari germanici”iniziarono la marcia verso la prigionia.Gli accordi di resa vennero tuttavia dichiarati non validi dagli Jugoslavi 1112 maggio, e per gran parte dei prigionieri tedeschi cominciò un lungo periodo di detenzione nei campi di internamento e di lavoro jugoslavi, da dove pochi tornarono;molte furono anche le esecuzioni sommarie di prigionieri nei giorni successivi alla resa”.
Così il Di Giusto nel citato volume; va ricordato che fra i prigionieri si celavano anche elementi delle SS, spesso respinti (v. Fey von Hassell, ne “I figli rapiti”) o isolati dagli stessi soldati della Wehrmacht;altre volte perfino da loro «giustiziati”come accadde proprio a Fiume , nei pressi dei Giardini Pubblici, dove un soldato tedesco impegnato come prigioniero dagli Jugoslavi in lavori di sterro, visto uno della SS che transitava libero nelle vicinanze e che egli conosceva per il comportamento criminale, gli si scagliò contro uccidendolo con un colpo di piccone.
lo appresi della liberazione di Fiume da”Stars and Stripes”il foglio della 5a.Armata degli USA che scriveva in una corrispondenza da”London, 1945 Aprii 25(United Press)”Tito Troops Enter ltaly, Fight In Fiume//Yugoslav troops of Marshall Tito for the first time are fighting in Italian territory, an official communique from headquarters of Yugoslav Army of National Liberation announced today. Tito's troops crossed the frontier between Italy and Yugoslavia at Fiume, the communique saicls, , and are fighting in the streets.//Fiume, with a prewar population of around 50, 000 has long been an ltalian-Yugoslavian bone of contention.Assigned to Yugoslavias at the end of Wordl War lst., it was seized by Gabriel D'Annunzio's legionaires in November, 1919 and is 11 square miles of territory declared a free state, which the treaty of Rapallo confirmed in 1920.It was ceded to Yugoslavia a few hours after the treaty, but in 1924 Italy and Yugoslavia negotiated an agreement which reco gnized Fiume as Italian.”
L' articolo conteneva qualche errore storico, a comprova della non profonda conoscenza delle vicende in cui la Città era stata coinvolta nel passato e nell' ultima guerra mondiale. Era un segno dello scarso interesse che avrebbero avuto gli Alleati intorno al «problema Fiume”, per loro praticamente inesistente, specie dopo I' Incontro di Mosca del 9-17 ottobre 1944, in cui fu stabilita l'influenza del”50 e 50 per cento” sulla Jugoslavia, tra gli Alleati dell' Est e quelli dell' Ovest.
“Divisione” delle Aree liberate diversa da quella della Grecia dove il 90% andò agli USA e alla GB, mentre il 10% andò all'URSS, ragione per cui il governo del re acquisì la libertà di reprimere “la resistenza comunista (Markos, nda.), repressione fatta senza mezzi termini… “(T. Sala, op.cit.)
Ad una provvisoria gestione di Fiume sovvenne un Triumvirato composto dal dott. Bossi, dall' ing. Pagan, dal dott. Perini, simbolo di una gestione “italiana», assolutamente non accettabile per gli Jugoslavi, soprattutto dopo gli accordi tra Churchill e Tito e Subasic'(per il governo monarchico di re Pietro) che enunciavano che”le truppe jugoslave avrebbero occupato Fiume ed il territorio a oriente di una linea che si dipartiva a nord della città;il resto della Venezia Giulia sarebbe andato sotto l'amministrazione anglo -americana”(T. Sala in:”La crisi finale nel Litorale Adriatico 1944-1945″, Del Bianco, Udine, 1962), principio corredato dall' assoluto rifiuto di una qualsiasi gestione italiana dell' area giuliana.
E non solo, ma l'interesse inglese per i Territori orientali del Regno d'Italia era diminuito dopo che le proposte, strategiche militari e politiche, di Churchill
erano state respinte , dagli Alleati, in specie dopo la liberazione di Belgrado che avvenne con la concomitante offensiva Jugo-sovietica.
Il CLNA.I. ancora nel settembre dei 1944 , rivolgendosi al Governo Bonomi dell' Italia
libera, auspicava “intese dirette col Maresciallo Tito, per l'intervento di formazioni partigiane.
italiane nella Venezia Giulia al momento del crollo tedesco”(T. Sala, op.cit), mentre già antecedentemente c' erano stati degli accordi tra CLNAI e AVNOJ per ” astenersi fino alla vittoria raggiunta, da ogni discussione sulle questioni dei territori nazionalmente misti” e pertanto l'inserimento di esponenti civili o addirittura militari-partigiani italiani , avrebbe potuto essere considerato come un pesante tentativo di “neo-revanchismo in pectore' attuato con la copertura degli Alleati occidentali.
In proposito e incredibilmente, il Dipartimento di Stato Americano ammetteva “l'alternativa che a Trieste e nella Venezia Giulia ci potrebbero essere dei conflitti tra i partigiani jugoslavi ei partigiani italiani (in quanto, nda.)ambedue le parti tendono a impadronirsi della più grande estensione di territorio. “(T. Sala, op.cit.),
A me pare una quasi premonizione intorno a un pericolo di tipo “greco”o, meglio, una chiara dimostrazione della sorte delle aree miste di confine e che per fortuna non ebbe sviluppi più ampi come , per analogia , accadde nel Bengala e nel Punjab dove si verificarono reciproci massacri fra i profughi dei due nuovi Stati, India e Pakistan, che stavano rientrando nelle proprie patrie.
A Fiume Bossi, Perini e Pagan, non sostenuti o affiancati da esponenti dell'etnia croata, e che non solo per ciò rappresentavano tutto quello che poteva inasprire l'animo del vincitore, rimasero in carica per un tempo brevissimo; furono arrestati dagli Jugoslavi e “Qualcuno venne in seguito rilasciato sulla parola e tra questi l'ing. Pagan che, forse ignaro delle conseguenze, riparò in Italia” (Venanzi, op.cit., pp.1 01-102) pagando questa sua quanto mai imprevista, impensabile, improvvida “fuga” con l'eliminazione della famiglia. Per ora non ho altri riscontri, tranne alcuni sospetti derivanti da informazioni materne, fattemi nel Dopoguerra.
Gli Jugoslavi costituirono un Comitato Popolare Cittadino che iniziò ad amministrare la città; ma già subito dopo la liberazione si aperse una pesante repressione, nella quale furono coinvolti numerosi cittadini di Fiume, a cominciare dagli esponenti antifascisti di tendenza autonomistica, ma anche del Pd'A., di quelle forze, anche popolari non subordinate al Comunismo Jugoslavo. Si parla di “Fiumani di ogni ceto, di ogni estrazione sociale, industriali e commercianti, intellettuali ed operai, studenti, donne e persino bambini che-in oltre 1500-seviziati, sgozzati ed infoibati pagarono con la loro vita una sublime colpa:quella di dichiararsi fieramente italiani…” ( P.Venanzi, op.cit. pp. 1 02, 103)
Ho cercato i nominativi dei citati 1500 nello stesso testo, ma ho trovato il numero più esiguo di 34 eliminati fisicamente, fra i quali, oltre ai già appena citati, si annoverarono due Senatori, di cui uno Prefetto sotto i Tedeschi, un Podestà, due presunte spie dell'OVRA, un brigadiere(?) della MVSN, un Direttore amministrativo di Ospedale due signore che erano gerarchi fascisti del Fascio Femminile, ma anche e purtroppo esponenti della linea autonomista e degli antifascisti. Furono eliminazioni originate da “cause belliche, politiche, sociali, non etniche”.
I deportati ammontano a 16 nomi nativi, seguiti da un impreciso «…e centinaia d' altri” (P.Venanzi, op.cit. pp. 104/1 05).
Nel 2003 due Centri di studio interessati al problema e cioè la Società di Studi Fiumani di Roma, Italia e lo Hrvatski Institut za Povijeste di Zagreb, Croazia, in collaborazione tra loro, hanno raccolto i seguenti dati, recepiti dall' ACS di Roma:
*Dal 1940 al 1945 le vittime di” nazionalità italiana “a Fiume e nel Territorio della Provincia del Carnaro e nei Territori Annessi, comunque caduti in operazioni militari o sotto i bombardamenti o in deportazione o eliminati da Forze Armate germaniche o da Forze dell' EPLJ assommerebbero a 2741 unità, così suddivise:
1281 Militari//1460 Civili.
Di questi 184 Militari e 232 Civili(tot. 416) sarebbero stati eliminati dopo il 3 maggio 1945. Si tenga nella dovuta considerazione che si tratta di un calcolo effettuato su circa 17011180 mila cittadini di ogni età e di ambo i sessi.e non sui 50000 circa, della sola Fiume.
Un' ulteriore ricerca è stata condotta sugli ultimi elenchi comparsi sullo «Speciale del Messaggero Veneto di Udine , giovedì 9 marzo 2006, sotto i/titolo/La tragedia delle Foibe. Mille nomi riemersi dall'oblio ./”
Ne riporto alcuni dati:
*Scomparsi prima del 10 maggio , a Gorizia, su 149, nessun fiumano/
*Agenti di PS su 88 , un fiu mano, Commissario. Capo PS
*Carceri OZNA di Lubiana su 14 , un fiumano, Comm.PS
*XIV Btg. Costiero;collaborazionista, su 23, sette fiumani
*Finanzieri, Carabinieri, MDT, IVRgt. , Altri Militari collaborazionisti, su 276, nessun fiumano. *Altri deportati, su 128, un fiumano, presente a Lubiana nel 1943, in piena guerra. *Tradotti al campo di Borovnica su 17, nessun fiumano
*Deceduti a Borovnica su 9, nessun fiumano
*Deceduti a Skofia Loka, su 8, nessun fiumano
*Deceduti nell' Ospedale delle Carceri di Lubiana, su 3, nessun fiumano
*Deceduti a Gorizia , su I , nessun fiumano
*Deceduti ad Aidussina, su I , nessun fiumano
*Altri civili su 214, deportati , due fiumani(una Ausiliaria della FLACK che nel 1943 era a Lubiana/perché?/)
In sintesi su 1048 Italiani, scomparsi tragicamente nel 1945, viene ammessa la riserva per 44 che sono segnalati senza luogo di nascita e perciò ridimensionate le cifre, sul004 unità undici erano fiumani.
In conclusione e temporaneamente ci pare che i dati, non raggiungano i 1500.
Nonostante tutto, fu un' infelice e inutile soluzione che compromise ulteriormente il rapporto fra etnie, perché permise di addossare agli Jugoslavi il delitto politico di aver eliminato tutti i Fiumani, colpevoli e non, “perché Italiani” e, in tal modo fu quanto mai politicamente utile per le destre fasciste collegare il successivo esodo agli “infoibamenti', due tragici eventi ben distinti tra loro.
In parallelo si accantonarono, si rimossero le colpe del fascismo repressivo , dell' Ispettorato speciale di PS, dell' adesione ad Unità militari e di polizia germaniche e collaborazioniste, si negò la funzione eliminatrice della Risiera di San Sabba, si sminuì la stessa Resistenza italiana di sinistra nella Regione Giulia perché alleata di Tito, si cercò di accusare i Comandanti partigiani della Div.d' Assalto «Garibaldi Natisone” di tradimento, fu fondata l'organizzazione segreta militare”Gladio” in difesa da paventati (e mai avvenuti) attacchi Slavo-comunisti.
Per quanto ne sappia io, 15.000 dovrebbero essere stati i Fiumani (fra loro non so quanti “Italiani” residenti) che decisero di abbandonare la città, segno che, “anche in uno Stato Federale, fondato su un' ideologia internazionalista le spinte e 'le distanze nazionali continuassero a condizionare le dinamiche politiche '(in:Rapporti Italo-Sloveni fra 111880 e 111956 /Relazione della Commissione Italo-Slovena sui rapporti tra i due paesi, ANPI prov di Gorizia, 2003, Graf. Gorizia, nn)
Non ci fu l'incontro tra etnie :fra coloro che lasciarono Fiume non tutti erano nemici, bisognava saperlo, alcuni volevano un' Italia libera, una Jugoslavia libera, ma non erano comunisti e avevano paura di dover loro pagare l'aggressione fascista alla Jugoslavia del 1941 e di perdere i propri beni e di dover restare sotto un regime che non accettavano e di contro si trovarono ad essere incapsulati nelle politiche dell' Ovest e dovettero «ridiventare italiani” e si sparsero nel Mondo. I Fiumani.
Alle vecchie brighe di confine , si era aggiunta la maledetta Guerra Fredda , a complicare le cose.
Per ciò che possano interessare le mie dirette esperienze, ho partecipato , spesso come
relatore in Delegazioni internazionali fra Ex Combattenti per la Libertà Italiani -Sloveni-
Croati- Carinziani – Stiriani, dove ho sostenuto la necessità di riconoscerci nella Resistenza.
Europea, piattaforma per il superamento dei Blocchi, base fondamentale per la Pace e l' incontro fra i Popoli.
Ciò ho fatto durante la Guerra Fredda, esponendomi politicamente e personalmente come Italiano nativo di Fiume e come Ex ufficiale del CIL., sempre nel più ampio quadro della piccola diplomazia di confine attuata con lungimiranza dall'ANPI, dall'ANPPIA, dall'ANED, dall'ANEI di Udine, in rapporto con il SUBNOR e con la ZZB per mantenere vivi e accrescere i valori di amicizia e di solidarietà fra popoli contermini.
Per onorare i Partigiani italiani e jugoslavi, i Caduti nei Campi di Gonars e di Visco per fare del Confine Orientale, '51 più aperto d'Europa” in anni di incomprensioni e di provocazioni. Ho avuto i miei fastidi, fino alla minaccia di morte da parte dei neofascisti, minaccia che finì in Tribunale e che fece stare sotto tutela della DIGOS non solo me, ma anche la mia consorte; furono respinte o boicottate iniziative culturali intraprese con Scuole o Circoli culturali sloveni (Tolmino, Lubiana, Santa Lucia in Istria).
Nonostante tutto, io penso che l'Esodo degli “autoctoni” abbia prodotto un notevole depauperamento umano, culturale, economico in un Territorio nel quale venne portata uno squilibrio, uno scompenso, là dove, invece, l'abitudine alla convivenza si sarebbe dovuta rafforzare, non sottovalutare od osteggiare.
Ma purtroppo saltarono, e perfino, i rapporti fraterni fra i vari Partiti Comunisti nonché gli accordi internazionali che duravano dal 1934; ci trovammo di fronte a situazioni di non accettazione di qualsiasi altro interlocutore che non fosse il PCI, ma soltanto fino alla crisi nei rapporti fra il PCI, il PKJ, il Cominform, nel 1948 che coinvolse un alto numero di lavoratori emigrati in Jugoslavia, “per costruire 11 Socialismo. »
Si arenarono o furono bocciate proposte per una larga autonomia da concedere a Fiume, scomparve il progetto di una Federazione Liburnica fra le Nazionalità ivi presenti da secoli. Sembra che, perfino agitatori italiani non ben qualificati si muovessero nei territori sotto controllo jugoslavo, per spingere la gente alla partenza: “vi uccidono, vi portano via tutto.. “.
Guardando obiettivamente la situazione di allora , a distanza di anni mi pare che, nei riguardi delle popolazioni della Venezia Giulia, l'unica forza politica a esprimersi per un' accoglienza dei Combattenti del Fronte di Liberazione Popolare come liberatori dal nazifascismo, prima della crisi del 1948, sia stato il PCI, ben conscio della estrema necessità di mantenere vive e amiche fra loro, le nazionalità ivi esistenti, nonché di tentare di mantenere unito il gruppo etnico “italo fono”, nella sua secolare collocazione, in diretto riferimento alla libertà delle nazionalità nei paesi socialisti.
Compito ingrato, non accettato, non compreso, duramente respinto tanto che successivamente, l'accusa di una supposta identificazione “o per lo meno della stretta connessione fra PCI 1/Partigiani garibaldini'//Comunismo slavo' fu uno dei cavalli di battaglia per le Destre nazional-fasciste, fino al tentativo di far nascere l'esodo degli Italiani dagli atti di giustizia militare, dalle esecuzioni, dalle vendette sommarie, dagli infoibamenti.
Nel contempo alcuni fascisti, ritenuti dei criminali perfino dai propri Comandi, riuscirono ad eclissarsi oa riprendere una vita normale:cito per tutti “Sp' un criminale di guerra richiesto dalla Jugoslavia per atti delittuosi nella zona di Kronberg (Nova Gotica), che visse tranquillamente nella provincia di Udine fino alla naturale sua morte.
Un altro esempio, a livello superiore : il Comandante delle Operazioni del 1941contro la Jugoslavia, fu considerato criminale di guerra e fra gli altri richiesto dalla RSFJ:una mattina al Comando del 101 Btg di MP degli USA, l'ufficiale con cui ero in contatto per operazioni congiunte , mi accolse dicendo:'We are goig to patrol the streets and English /èt Roatta escape…”
Cominciavano altri inghippi altri misteri, l'Operazione “Odessa”, pressioni nazionaliste nelle aree di confine; i principi politici che guidavano i CLN e l'AVNOJ non avevano trovato una favorevole e quantomai auspicabile sintesi di concretezza.
Quando Mussolini aggredì lo Stato vicino, all'operazione fu dato il nome di “Castigo”ed era Roatta a comandarla dal suo Quartier Generale di Scodovacca nella Bassa Friulana, dove, altra vergogna del fascismo, stava «fiorendo” il Campo di Internamento italiano di Gonars.
Giustamente “qualcuno” presentava i conti e, subdolamente, “qualcun'altro” gestiva l'imbroglio dell' «Armadio della Vergogna':
A guerra finita la mia famiglia continuò a vivere a Fiume per circa tre anni ;l' unico che si allontanò fu mio fratello Ireneo, che era stato sotto i Tedeschi e che non ebbe alcun fastidio dalle Autorità jugoslave della RSFJ che per tutta la vita egli criticò e democraticamente combatté, essendo rimasto un uomo di destra, pur persona colta ed onestissima..
Nonostante le sue posizioni nazional-fasciste ritornò più volte in Jugoslavia, liberamente, e vi fu anche in viaggio di nozze.
Come fratelli non parlavamo delle nostre opposte e inconciliabili posizioni politiche, cercavamo di mantenere la pace in famiglia , dopo che questa si era riunita in Italia. Certe volte ciò era estremamente difficile anche per me, liberale roosveltiano, neutralista, sostenitore della linea gobettiana nel PLI per un “New Deal italiano”
Personalmente non ho mai perdonato a coloro che hanno invischiato quel mio fratello nell' avventura del fascismo collaborazionista:un crimine morale impunito che stese un' ombra sulle nostre vite.
La parte della famiglia rimasta ancora a Fiume continuò la propria vita, in mezzo alle difficoltà del dopoguerra, con il capitale decurtato a causa della ricostruzione delle parti rovinate della casa bombardata; i fratelli minori frequentavano la scuola in italiano. 1945 mia madre venne invitata dal CPC, dove si recò con una qual preoccupazione, pensando a mio fratello Ireneo, del quale non fu fatto alcun cénno, durante 11 colloquio con un Dirigente politico.
Le fu, invece offerto , ”perle sue note doti di insegnante, le sue conoscenze di pedagogia, di didattica, di metodologia , perla sua umanità” .doti per cui era stimata dalla gente, un posto dì insegnante “tutore e guida “, con una classe sperimentale all'Istituto Magistrale di Fiume, per formare didatticamente le future maestre elementari.
Mia madre accettò l'incarico che espletò, con vivo interesse, per un anno.
Nel 1947 si presentò alle Autorità , ringraziando per la fiducia in lei riposta, ma chiarendo che desiderava andare in Italia, perché si sentiva italiana di sentimenti, , ma anche di cittadinanza e voleva vivere in uno Stato italiano, cioè andare nella propria Patria.
Mio padre lavorava ormai saltuariamente, a causa dello stato di salute e non era d'accordo di lasciare Fiume, ma alla fine si adeguò.La famiglia era divisa anche sulla scelta di”dove andare” in Italia.
Io ero ancora sotto le Armi e stavo finendo il servizio di prima nomina come Ufficiale, nel settore militare US-ITI, della PBS, l'Ufficio Stralcio (diciamo così) della 5aArmata USA, e non vedevo l' ora di riprendere gli studi nella Facoltà di Lettere e Filosofia, all' Università di Padova;anche per questa ragione pensavo che sarei rimasto in Italia.Non conoscevo il croato, non avevo parenti a Fiume.
Un paio di mesi dopo aver fatto domanda di congedo illimitato, ebbi uno strano incontro, come «Italiano di Fiume” :mentre mi trovavo a Navacchio(Pisa), fui avvisato che un Ufficiale americano aveva chiesto di me perché• aveva dei problemi all' automobile. lo risposi che nulla avevo a che fare con il Motor Pull e che si rivolgesse ali' Ufficiale incaricato.
Ma, l'Americano, un Tenente, insistette di persona e perciò lo seguii andando verso la sua Plymouth.Non appena fummo usciti dalla mensa, l' ufficiale si presento:”J am
lieutenant Bristol and J have come by car direct from Gorizia, to meet you…”
E poi continuò, improvvisamente usando un italiano correttissimo:
“…perché sappiamo che lei , che è di Fiume, ha fatto la domanda di congedo e le proponiamo di venir a operare con noi.
E' una proposta di ingaggio presso unità “civili” agli ordini del generale Milanovic'per operazioni militar, e di sabotaggio contro i comunisti slavi nella provincia di Gorizia..Avrebbe un guardaroba di abiti e calzature borghesi, un armamento individuale, un' automobile a disposizione. Dopo un anno con noi, potrebbe emigrare negli USA e ricevere subito la prima carta di cittadinanza, in quanto le verrebbero calcolati tutti gli anni che ha combattuto con le Nazioni Unite. Successivamente entrerebbe nella Polizia degli USA come Private Officer.
Dopo un altr' anno potrebbe chiamare negli USA tutta la sua famiglia.”
Rimasi interdetto , quasi impaurito che sapessero di me che mi conoscessero, ma risposi che non avevo assolutamente intenzione di agire, in alcun modo, più o meno “legalmente” (si era già nella Guerra Fredda) contro “gli Slavi” e tanto meno contro” i Comunisti” che erano stati alleati, amici con i quali pure, su fronti diversi, avevo combattuto il nazismo e il fascismo.
Chiusi il discorso e Bristol, nel congedarsi, si disse dispiaciuto, ma fu piuttosto freddo e mi invitò a mantenere il riserbo assoluto sull' offerta(che rendo pubblica ora, a 60 anni di distanza); conci use invitandomi, se avessi cambiato idea o anche se avessi soltanto voluto incontrarlo, a rivolgermi alla Caserma dell' 88a. Divisione Ftr.USA, che aveva sede in Gorizia.
Quando mi congedai andai a Gorizia a cercare il mio compagno d' armi , Giorgio P. e, dopo averlo trovato sano e salvo, impiegato in un Ente di Stato, spinto dalla mia nota curiosità, andai alla Caserma degli Americani.
Dopo aver chiesto al DO (Ufficiale .di Servizio) di poter parlare con il Tenente Bristol, consegnai la Carta d'Identità e attesi , per oltre un quarto d'ora almeno, la risposta.
E venne, chiara, inequivocabile: 'We neverheard Lieutenant Bristol…”
Chi era Bristol? Chi era Milanovic'? Da chi in realtà ero stato contattato?Che cosa stava succedendo al Confine orientale della Repubblica Italiana, nata dalla Resistenza?Altri nuovi fastidi verso “i S'ciavi”? Chi li organizzava, perché?
La mia famiglia decise di stabilirsi in Italia e , dopo interminabili discussioni sulla città da scegliere, fu cercata una sistemazione a Treviso, con residenza dal 5 aprile 1948 centro quasi equidistante tra le due mete prospettate dalle contrapposte tesi: Lodi e Udine. Pertanto i miei genitori avvisarono le Autorità jugoslave della decisione presa e, caricate su un camion le masserizie restanti, ebbero un giovane Partigiano croato di scorta. A Trieste il giovane si staccò da loro per rientrare al Reparto a Fiume.
I saluti furono particolarmente commoventi e ci furono abbracci pieni di dolore, e di speranza di pace: si rompeva un mondo, cadevano le speranze di Turgau.
Tutti noi fratelli tornammo a Fiume, più volte e in tempi diversi, i miei genitori mai più, specie per l'età; mia madre, nata in un'isola, mori senza vedere il tanto amato mare.
La casa ricostruita fu “abbandonata” e consegnata alla signora Ida P. che più volte andai a trovare.
Fu, dal Governo della Repubblica Italiana, catalogata sotto “Beni abbandonati nella RSF di Jugoslavia.” e fu tenuta “in evidenza per quando sarà possibile concludere con il Governo iugoslavo le trattative dei beni definiti in libera disponibilità. (in. “Delegazione italiana nella Commissione mista Italo .Jugoslava' Belgrado 7 Marzo 1950.)
Parte dei beni furono pagati nel 1963 sia per i danni del bombardamento che per la casa “abbandonata” .Altre quote di conguaglio furono pagate agli eredi dei miei genitori e dei miei fratelli , negli ultimi anni, Penso sarebbe corretto un adeguato ulteriore conguaglio al valore dei Beni, che non sono stati restituiti e che, personalmente non ho intenzione di riscattare. (pos. 304517c(Min. Economia e Finanze, Dip. Tesoro, Dir. VI)
In tal modo fu possibile per i miei genitori far terminare gli studi ai due fratelli più giovani e acquistare un piccolo appartamento a Treviso.
In quella città, al loro arrivò nel 1947, furono confortati e indirizzati dai signori
Tabarin, parenti di Renzo che avevo conosciuto in Puglia: a loro un caro affettuoso ringraziamento, e un caro saluto agli altri amici, conoscenti e compagni trevigiani.
La mia famiglia si sistemò in una casa di Borgo Cavour , dove il gabinetto, a caduta libera, era in comune fra una decina di coinquilini; non c'era l' acqua corrente in casa e andavamo a prenderla alla fontana del Collegio Pio X., sulla pubblica via.
Ho detto andavamo, perché anch'io ero rientrato nella vita borghese:con l'ultimo stipendio da Sottotenente comperai una bicicletta per andar a fare il supplente a Casale sul Sile e pagai le Tasse arretrate all' Università.
Comperai il primo abito borghese, a rate, nel 1950, usai le scarpe militari per altri due anni Per tutto il 1947 /1948 mangiammo miseramente, però tutti studiavamo.
lIo studiavo la notte , in cucina, dove dormivo nella branda da campo.
Mio fratello Giuseppe andava a Padova , all' Università con un uovo per pranzo
Andavo al cinema gratis, ma solo d'estate, perché mi arrampicavo sui ruderi di un edificio, dai quali potevo vedere lo schermo del Cinema all'Aperto.
Non ero il solo portoghese.
Sostenni il primo esame all' Università nel 1948, a sette anni dall' iscrizione;i miei compagni di guerra Inglesi e Americani avevano diritto, per due anni, ad essere aiutati economicamente negli studi e perfino nel mantenimento dell'eventuale famiglia “di guerra”. Anche Ireneo rientrò in famiglia e si impiegò al DMdi Treviso., dove lavorò fino alla morte, diventando un esponente di spicco dell' ANVGD. Abbandonò gli studi universitari; perdemmo, a causa del fascismo uno studioso di archeologia, serio, validissimo e un ceramologo appassionato.
o, invece, non mi interessai alla politica attiva, se non marginalmente, come liberale di sinistra;non lo feci perché volevo assolutamente laurearmi e non potevo più “perdere”tempo.
In quegli anni ricevetti la proposta di entrare nei Reparti Celeri della Polizia; rifiutai sia perché non studiavo Legge, ma soprattutto perché non intendevo assolutamente “picchiare” chi manifestava, fossero operai, studenti o reduci di guerra o comunisti
Quando c'erano dei comizi o delle manifestazioni dei neofascisti del MSL mi allontanavo da Treviso o me ne stavo chiuso in casa, perché avevo paura di reagire con violenza fisica contro di loro, perché, anche solo vedendoli: rivivevo le mie e le altrui sofferenze generate dalla scellerata politica mussoliniana!
Al momento del 'oro Congresso a Genova, sotto il Governo Tambroni, uscii dal PLI., perché mi parve che non ci fosse stata una severa presa di posizione nei riguardi dell'avvenuto. Dopo essermi iscritto all' ANPI (art.2 dello Statuto), militai nell' Associazione a livello regionale nel Friuli Venezia Giulia, nazionale e internazionale; fui tra i fondatori dell'ADESSPI e della CGIL – Scuola e , al momento dell' elezione a Presidente della RI del Sen. Giovanni Leone, abbandonai la linea politica liberai- socialista e mi iscrissi al PCI.
Mi trovai così ad essere compagno, oltre che fratello di Bepi, il fratello minore: tutti e due, Italiani di Fiume, Comunisti: mosche rare e spesso non bene accette per le nostre scelte politiche e sociali.
Anche recentemente, poiché sono in contatto “culturale” con i Circoli della Benecija, la Slavia italiana, mi son sentito dire: “Raimondi cossa ti xe co i S'cia vi?Co i Partigiani? Ma, anche: “Come ufficiale del CIL non dovrebbe essere iscritto all' ANPI dominato dai Comunisti!”
Ritornano le solite parole, “le solite naine”, le solite provocazioni.
«I'S'ciavi” non hanno torto un capello ai miei e, assolutamente, non ci hanno né invitato, né spinto, né costretto a lasciare Fiume.; liberamente scegliemmo di vivere in Italia.
Siamo cittadini di un' Europa che deve essere sempre di più allargata e pacificamente costruita, chiarendo doveri e diritti, non falsando la Storia, e respingendo strumentali utilizzazioni dei dolori di tante genti.

Source: www.storiastoriepn.it

THE POSTOJNA CAVES; AND OTHER TOURIST CAVES IN SLOVENIA
Book (POSTOJNA JAMA TOURIST AND HOTEL ORGANIZATION)

Cro

2006-06-28 16:35:25 by ribica11

Glad you liked Croatian beer. It is so cheap!
There is suitable accommodation for every budget, From 10$ for rooms and camps, all inclusive cheap socialistic monster hotels to beautiful Hilton right at the Dubrovnik walls, Esplanade in center of Zagreb or Hotel Peristil inside of historic Diocletian palace in Split (double 120 –150$).
Mostar in Bosnia should be also visited, especially during diving competition from the 28 m high bridge. They have done amazing work to restore it after war destruction.
Bled in Slovenia is gorgeous, for a day or two visits. Many private rooms and hotels are located just around the lake.

No problem

2006-02-05 19:42:31 by -

Other than travelling with a very young child, you should have no real problems. Slovenia and Croatia are great. You don't say how you plan to travel, but the trains are fine, the roads tend to be narrow with limited highways. Both capital cities are nice small cities (Ljubljana is nicer n my opinion).
Bled (SL) and the rural surrounding area of mountains and lakes are incredible. Dubrovnik (HR) and many of the nearby islands are great, but I encourage you to take the ferry to/from Split versus driving over. You can easily take the train from Zagreb to Split, but the ferry or bus is the option from Split to Dubrovnik

You might also like:

Lake Bled, Slovenia

Related posts:

  1. Hotel Sporting Slovenia
  2. Hotel Winkler Slovenia
  3. Hotel Jama Slovenia
  4. Hotel Drnca Slovenia
  5. Travel in Slovenia